Home

Slider

Vedi Menu & Ordina Prenota il tavolo

OSTERIA RIPASSO

Nasce nel marzo 2011 dall’idea e vocazione del suo titolare Alberto Damoli, allora molto giovane ma con un bagaglio di oltre 15 anni di esperienza nella ristorazione, fra cucine e tavoli di prestigiosi e blasonati ristoranti di Verona, Trentino Alto Adige e perfino Londra.
Il desiderio di Alberto è sempre quello di creare un “luogo” originale, ricco di sapori forti e fusioni tra loro, in cui riscoprire materie prime di altissima qualità e riscoprire i migliori vini, mantenendo un solido legame al “suo” territorio Veronese, ma anche aprendosi a nuove provenienze ed influenze culturali… un “luogo” ben curato, in cui non mancasse mai l’attenzione al servizio e l’energia nella presentazione dei piatti, che però al tempo stesso facesse respirare, nell’informalità, il calore e la convivialità tipici della storica “Hostaria” del passato…
Previous
Next

CHI SIAMO

L’evoluzione dell’Osteria Ripasso dal 2011 ad oggi è il risultato del della generosa disponibilità e la profonda professionalità e passione di ottimi collaboratori, a cui saremo e siamo grati, selezionati con miraggio e fiducia dallo stesso Alberto.
Oggi, lo affiancano Matteo in sala e Samuel Ramesh in cucina.

VINI E CUCINA

Cucina attenta e attuale.

Cantina ampia e variegata con oltre 150 etichette in Carta, un’attenzione particolare verso la proposta dei cosiddetti “vini naturali”.


L’Osteria Ripasso propone una cucina che Alberto spesso definisce “spontanea ed immediata” e che, durante l’anno, presenta in cinque Menù à la Carte differenti che si susseguono, ciascuno costituito da circa una ventina di piatti sempre diversi dagli Antipasti ai Dessert da lui stesso creati, in collaborazione con il suo team: sono tutti piatti molto interessanti e sfiziosi, talvolta più “personali”, sempre in continuo aggiornamento e con l’aggiunta frequente di varianti che vengono promosse tramite Menù Degustazione a parte, con l’intento di stupire ogni volta chi li sceglie, lasciando un messaggio chiaro sia all’occhio che al palato.


Permane l’intento comunque di restare fedeli alla stagionalità degli ingredienti utilizzati, garantendone sempre la massima qualità e freschezza e rispettandone la loro originaria provenienza (dedicando in questo senso un’attenzione particolare ad alcuni seri Presidi nazionali), al tempo stesso, con l’obbiettivo di stimolare i nostri Ospiti con piatti mai scontati anche nel caso di alcune “rivisitazioni”.


Tutto questo è realizzabile anche grazie al prezioso supporto del preparatissimo e talentoso sous-chef Samuel Ramesh.
Cucina attenta e attuale che unisce la tradizione del territorio all’innovazione, con influenze a volte d’oltralpe altre orientali, dando vita a piatti gustosi e mai banali.


Cantina ampia e variegata, grazie ad oltre 150 etichette in carta (di cui buona parte proposte a rotazione anche in mescita), ed un’attenzione particolare verso la promozione dei cosiddetti “vini naturali”.

LA CANTINA

Alberto, con il supporto di Matteo, il suo Màitre e Sommeliér in itinere molto appassionato e preparato, si occupano personalmente di selezionare le migliori aziende vitivinicole italiane ed internazionali, proponendo come Osteria Ripasso quelle che rappresentano le espressioni più interessanti del territorio da cui provengono.


Le grandi etichette trovano spazio soltanto laddove il nome, è tuttora sinonimo di eccellenza.
Dal primo giorno, inoltre, viene dato il giusto spazio a realtà più piccole, capaci di trasmettere quella passione ormai troppo spesso dimenticata dalle oramai soprannominate “multinazionali del vino”.


La parola d’ordine nella Cantina di Alberto è, anche in questo caso, qualità, che talvolta e sempre di più, sembra far rima con naturalità: infatti, per rendere l’esperienza enologica davvero completa, promuoviamo un filotto di cosiddetti “vini naturali”, provenienti dai migliori vignaioli in circolazione sia italiani che esteri, vini che sono ottenuti da agricoltura biologica e vinificati senza alcun intervento chimico, nel pieno rispetto del territorio (e di chi li beve!).